0

Paola Turci va al tenco e si racconta in “Mi amerò lo stesso”

Paola Turci sarà ospite del Premio Tenco, il 2 ottobre a Sanremo. Nella serata inaugurale del quarantennale della rassegna della canzone d’autore, dedicata quest’anno alle Resistenze, al potere, ma anche resistenze artistiche, culturali, musicali, di creatività, di costume, di linguaggio, omaggerà uno dei padri della canzone d’autore russa, Bulat Okudžava, Premio Tenco 1985. Accompagnata dall’orchestra del Maestro Rocco Marchi, Paola Turci canterà, sul palco del Teatro del Casinò di Sanremo, un brano del celebre cantautore e poeta russo di origine georgiana, tradotto in italiano da Alessio Lega.

Paola Turci (foto di Paola Palosci)

Paola Turci (foto di Paola Paloscia)

“Questa è la mia seconda volta al Premio Tenco – ha commentato Paola -  e l’ho sempre visto e soprattutto immaginato da lontano, quando, in un’altra stagione, mi capitava di passare per il palco di quel teatro, di quella città, che ha visto cantare sognare e morire il nostro tra i cantautori più struggenti e poetici. Ho partecipato per la prima volta al Premio nel 2007 per cantare proprio un brano di Luigi Tenco, E se ci diranno, una canzone che fa parte del “Tenco e la protesta” e che avevo precedentemente registrato in un mio album nel 1995. Tornare al Premio Tenco nel suo anniversario e nell’edizione dedicata a un tema così importante come le Resistenze, in un periodo storico dove Resistere non è solo una necessità ma anche un obbligo, mi fa doppiamente piacere”.

Paola, che ha compiuto cinquant’anni da meno di un mese, ha recentemente dato alle stampe l’autobiografia dal titolo Mi amerò lo stesso, in uscita per Mondadori il 30 settembre 2014. La cantautrice romana ha inoltre concluso da pochi giorni il suo fortunato “Special Tour 2014”, una lunga serie di concerti in giro per l’Italia tenuti in località suggestive e arricchite dall’intervento di amici e ospiti, da Marina Rei a Paolo Fresu.

0

Kimel racconta il niente che rende “distanti”

E’ arrivato in digital download e sulle piattaforme streaming Distanti, il nuovo singolo della cantautrice-chitarrista cremonese Kimel che anticipa l’uscita del disco, prevista per l’inizio del prossimo anno.

Kimel

Kimel

“Distanti” è un brano autobiografico dalle sonorità pop rock, scritto e arrangiato dalla stessa Kìmel e esprime la distanza e il senso di vuoto che spesso accompagnano la fine di una relazione: “Distanti è un brano in cui il niente è protagonista. Descrive il disagio profondo nel sentirsi, all’improvviso, estremamente lontani e incapaci di ripristinare qualsiasi forma di contatto con chi è stato parte della nostra vita -racconta Kìmel– L’animo è spaesato, naufrago e incapace di remare nella  contro-corrente dei sentimenti, in quel Niente che toglie il respiro. Il vuoto si fa inesorabile e ancor più insopportabile del nulla. La contraddizione tra la tensione del testo e il sound cantabile, ha assecondato la mia propensione per l’imprevisto e la dissonanza”.

Cantautrice e chitarrista rock, Kìmel è nata in un piccolo paese della provincia cremonese. Autrice e compositrice, ama creare ed eseguire personalmente gli arrangiamenti. Inquieta e particolarmente attenta al dettaglio, Kìmel propone un rock d’autore teso e viscerale, intimista ed immediato, che non teme le tonalità più ardue, ma anche i riff più ficcanti. Tutto sembra tendere alla sospensione, senza che i componimenti perdano il loro tiro accattivante e un registro musicale tagliente. Diplomata in Conservatorio in Chitarra e Pianoforte, Kìmel inizia un lungo percorso di esibizioni live in cui presenta il suo repertorio nei locali di tutta Italia. Numerose le aperture di concerti: The Black Eyed Peas, Subsonica, Edoardo Bennato e Alex Britti Tour. Nel 2006 vince il Cornetto FreeMusic Festival; nel 2010 è finalista a Sanremo Nuova Generazione; nel 2012 esce il primo singolo “Il Mostro” (Artist First).

0

Francesco Renga, è tempo di…Tempo Reale Tour

E’ finalmente è giunto il tour, quello vero. Dopo le date “anteprima” di giugno, il 12 ottobre Francesco Renga inizia a battere l’Italia col suo Tempo Reale Tour, un tour che parte sotto i migliori auspici in quanto ci sono date duplicate e anche triplicate.

Francesco Renga al Teatro degli Arcimboldi di Milano

Francesco Renga al Teatro degli Arcimboldi di Milano

Il racconto dell’anteprima di Tempo Reale Tour

Renga cosa ci attende?
Tante novità, tanta carne al fuoco.
A luglio e agosto a scelto di restare fermo.
Esatto. Niente in estate se non qualche piccolo appuntamento per sostenere il singolo.
Perché?
Bisogna restare con i piedi per terra, capire possibilità e potenzialità di quello che vai a offrire. Ma bisogna anche capire il momento del paese, non forzare la mano e sapere in che territorio ti muovi.
Che intende?
Non trovi i soldi per fare la spesa, ancora meno per un concerto: la gente sceglie. Dunque bisogna invogliare la gente a venire da te.
Il suo tour parte con dati significativi.
Già. Cito per tutti i tre Arcimboldi a Milano. In un momento difficile come l’attuale l’artista deve non solo essere libero ma anche responsabile.
Il mercato è molto cambiato negli ultimi anni.
Fino a una decina di anni fa vendevi tanti dischi che oggi non immagini. I dischi oggi vengono misurati col bilancino.
Allora che live sarà?
Siamo già abbastanza tarati, c’è comunque ancora qualcosa di mettere a posto. Ho avuto idee forti sulla conduzione dello spettacolo nelle due anteprime pre-estive di Milano e Roma.
Che si dice guardandosi allo specchio?
Che sono un incosciente di natura, che non posso fare le magliette tante sono le date che si aggiungo e che tutto è concentrato in sei settimane.
Il Sud America?
Il Messico per ora è posticipato, ci andremo a gennaio. E’ molto lento come processo, ci voglio tornare a inizio 2015 con calma per mettere a punto alcuni rapporti anche con i media.
Obiettivo?
Voglio uscire a breve con un lavoro in spagnolo.
Insomma diventa internazionale.
…Ma resto orgogliosamente un provinciale dentro.

12 ottobre, BOLOGNA – TEATRO EUROPAUDITORIUM – SOLD OUT
14 ottobre, VARESE – TEATRO DI VARESE – Prevendite
16 ottobre, MANTOVA – GRAN TEATRO PALA BAM – SOLD OUT
17 ottobre, BERGAMO – TEATRO CREBERG – SOLD OUT
18 ottobre, BRESCIA – TEATRO DI BRESCIA – SOLD OUT
20 ottobre, MILANO – TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI – Prevendite
21 ottobre, GENOVA – TEATRO POLITEAMA GENOVESE – SOLD OUT
23 ottobre, BERGAMO – TEATRO CREBERG – Prevendite
24 ottobre, TRENTO – AUDITORIUM SANTA CHIARA – SOLD OUT
25 ottobre, PADOVA – GRAN TEATRO GEOX – Prevendite
27 ottobre, BERGAMO – TEATRO CREBERG – Prevendite
28 ottobre, MANTOVA – GRAN TEATRO PALA BAM – Prevendite
30 ottobre, ROMA – AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA – Prevendite Ticketone e Listicket
03 novembre, TORINO – TEATRO COLOSSEO – Prevendite
04 novembre, BORGOSESIA (VC) – TEATRO PRO LOCO
05 novembre, BRESCIA – TEATRO DI BRESCIA, PALABANCO – SOLD OUT
07 novembre, SANREMO -TEATRO ARISTON – Prevendite
08 novembre, FIRENZE – TEATRO VERDI – Prevendite
09 novembre, PARMA – TEATRO REGIO – Prevendite
11 novembre, SENIGALLIA – TEATRO LA FENICE – Prevendite
13 novembre, PESCARA – TEATRO MASSIMO – Prevendite
14 novembre, BARI – TEATRO TEAM – Prevendite
15 novembre, LECCE – TEATRO POLITEAMA GRECO – Prevendite
18 novembre, NAPOLI – TEATRO AUGUSTEO – Prevendite
20 novembre, CATANZARO – TEATRO POLITEAMA – Prevendite
21 novembre, CATANIA – TEATRO METROPOLITAN – Prevendite Boxol – Prevendite Ticketone
22 novembre, PALERMO – TEATRO POLITEAMA GARIBALDI – Prevendite (info sul cambio location QUI)
24 novembre, BOLOGNA – TEATRO EUROPAUDITORIUM – Prevendite
26 novembre, FIRENZE – TEATRO VERDI – Prevendite
27 novembre, BRESCIA – TEATRO DI BRESCIA, PALABANCO – Prevendite
29 novembre, MILANO – TEATRO DEGLI ARCIMBOLDI – Prevendite
30 novembre, PADOVA – GRAN TEATRO GEOX – Prevendite